Harleequinzel (zombie_magpie) wrote,
Harleequinzel
zombie_magpie

L'Angelo (originale)

Ultima settimana COWT 9 - l'angelo/il giudizio -


Se potesse, Angelo li toccherebbe tutti sulla schiena, pungolandoli con le sue dita grassocce, da infante, per catturare le loro reazioni e studiarli da vicino. Li solleverebbe uno ad uno per la collottola come se fossero gattini carini e col pelo sporco da strada, con le costole sporgenti e i musetti stanchi, e li guarderebbe tutti negli occhi per collocarne il luccichio. Hanno quella cosa, gli esseri umani, anche quelli morti: il luccichio negli occhi.
È una cosa che Dio non ha dato ad Angelo e ai suoi fratelli, perché la luce li veste per interi. Vorrebbe poter dire, a quelli sulla Terra, o a quelli che ci sono stati, che non è vero che non hanno sesso, semplicemente non ne fanno, e che sì, hanno l’aspetto di bambini, ma non lo sono sempre stati.

Vorrebbe dire loro che non li seguono da vicino e che non li proteggono, al contrario, li guardano da lontano, li ascoltano e li giudicano. È quello che Dio vuole che facciano. Compilano report su di loro per conservarli e tirarli fuori quando sarà il Giorno. E così, mentre gli umani si affannano a collezionare cuori su Instagram e biglietti del cinema come fossero figurine da scambiare, gli Angeli tengono il conto delle loro discese. Li chiamano così i - come vogliamo chiamarli? - sbagli. Discese, perché più ne sono e più scenderanno quando la Tromba suonerà.

Visti dall’alto, che è, d’altronde, l’unica posizione da cui Angelo li abbia mai guardati, gli umani sembrano uno stormo di uccelli dispersi nell’oceano che continuano a volare e a volare in tondo, non avendo nemmeno un sasso di terra solida a cui appoggiarsi per riposare le ali. Alcuni resistono, ma altri svengono per la fatica, prima o poi, e si schiantano in mare per venire divorati dagli squali. È uno spettacolo, macabro direbbe qualcuno, ma è pur sempre uno spettacolo, ed è l’unica cosa con cui Angelo può svagarsi, a parte quelle poche volte che si concede il divertimento di allungare un dito e disegnare figure nei campi di grano.

Teme che il Giorno non verrà mai e che lui dovrà rimanere lì, a ciondolare con un braccio giù dalle nuvole, ad aspettare il segnale per l’eternità. Cosa stia aspettando Dio per scremare la fila di quelli che entreranno Su e di quelli che scenderanno giù, Angelo non lo sa. Sono almeno diciassette millenni che si umetta le labbra inutilmente, di continuo, nella stremante attesa del momento in cui potrà suonare la sua tromba con tutta la sua forza.

Gli umani sono solo umani, ma non si meritano, secondo lui, tutta quella clemenza. Se Angelo fosse stato Dio, e per fortuna non lo è, avrebbe chiamato il Giorno già da molto tempo.

Gli umani vivi sono vivi, e si amalgamano alle ombre dei morti perfettamente. Gli spiriti galleggiano negli spazi che già conoscono, nei luoghi dove già sono stati, e attendono, senza pace, in pena. C’è sovraffollamento, ci sono milioni di lingue e di culture, c’è gente che viene da un tempo e gente che viene da un altro, non ci sarebbe coesione nemmeno a cucirli tutti l’uno all’altro, come un centipede organico che striscia.

Deve essere triste attendere tanto per il proprio destino. Forse è un gioco sadico di Dio, quello di aspettare.

Una lucciola sale su fino alle nuvole, fino al suo palmo teso, per spegnersi nella sua mano. È la preghiera di un bambino, e Angelo la colleziona, tira fuori il suo taccuino e, con la lingua stretta fra le labbra, le sopracciglia corrucciate per la concentrazione, annota.
“Bambino oggi ha pregato”. È generico, ma basta a Dio. Accade così di rado, oggi, che non ha nemmeno così tanto da segnare. Ma mentre piazza il punto, la punta della penna grondante d’inchiostro nero e vischioso, alle sue spalle, su al Palazzo, si accende la pira di piume di Celesti. È il segnale.
Angelo sbatte le ali per quanto è felice. Il Giorno del Giudizio Universale è arrivato.


Subscribe

  • La Ruota (Originale)

    Ultima settimana COWT 9, la Ruota - Se qualcuno provasse a grattare la sua pelle, una coperta di seta pulita, ricoperta dalla patina lucida del…

  • Il Mondo (Originale)

    Ultima settimana COWT 9, Il Mondo - “Ho qualcosa per te” gli dice l'estraneo, sorridendogli. Giona potrebbe iniziare a contare…

  • La Torre (Originale)

    Ultima settimna COW-T 9, la Torre - Erano secoli che dall’alto della sua corona spiava Impyria. La città del vento, così la…

  • Post a new comment

    Error

    Anonymous comments are disabled in this journal

    default userpic

    Your IP address will be recorded 

  • 0 comments